Carrello

Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: 0,00 €

Rosa del Golfo Brut Rosé Metodo Classico

Altre viste

- 15%

Rosa del Golfo Brut Rosé Metodo Classico

16.499

Recensisci per primo questo prodotto

Codice Articolo: ROS01
Produttore: Rosa del Golfo
Categoria: Vini | Spumanti |

Disponibile

Prezzo di listino: 19,50 €

Special Price 16,50 €  IVA inclusa

Spedizione gratuita per ordini maggiori di 129€
Pagamenti sicuri con PayPal e Carta di Credito
Assistenza

Produttore: Rosa del Golfo
Prodotto: Brut Rosé Metodo Classico

Nazione: Italia
Regione: Puglia
Tipologia: Spumante

Dosaggio: Brut

Vitigni: Negroamaro e Chardonnay
Denominazione: Vino spumante di qualità VSQ
Zona di produzione: Alezio (Le)
Annata: Non millesimato
Gradazione : 12%
Servire: 6/8° C
Formato: 0,75 l

Dettagli

Produttore: Rosa del Golfo
Prodotto: Brut Rosé Metodo Classico

Nazione: Italia
Regione: Puglia
Tipologia: Spumante

Dosaggio: Brut

Vitigni: Negroamaro e Chardonnay
Denominazione: Vino spumante di qualità VSQ
Zona di produzione: Alezio (Le)
Annata: Non millesimato
Gradazione : 12%
Servire: 6/8° C
Formato: 0,75 l

Colore: Rosa delicato, con riflessi dorati. Bollicine finissime tipiche del metodo classico
Olfatto: Al naso elegante e fine, con ricordi di piccoli frutti rossi
Gusto: Al palato grande stoffa, morbido ed elegante, di piacevolissima beva
Abbinamenti gastronomici:  Abbinamenti gastronomici ottimo per l’aperitivo e gli antipasti, di grande classe con tutte le specialità a base di pesce e crostacei

Vinificazione spumantizzazione: presa di spuma con metodo classico (rifermentazione in bottiglia) con permanenza sui lieviti di 30 mesi
Liqueur composizione della Rosa del Golfo a base di Vigna Mazzì


 

Due secoli di tradizione, passione, storia e amore per la propria terra, per il proprio lavoro, per i frutti nati da questo irresistibile intreccio di emozioni, questa è la storia della Rosa del Golfo.

L'azienda di famiglia affonda le sue radici oltre due secoli fa, nelle magiche e incontaminate terre del Salento, quando il capostipite Leopoldo Calò prese a coltivare un piccolo appezzamento terriero con viti e ulivi, iniziando a produrre così del vino e dell'olio, dando il via alla tradizione di famiglia che sarebbe andata avanti fino ai nostri giorni. Sempre pronti a cogliere nuove opportunità commerciali e attenti all'apertura di nuovi mercati, i Calò iniziarono a pensare a come far giungere ad un numero sempre crescente di persone il proprio vino. Fu il nipote Giuseppe a pensare di aprire una filiale commerciale in provincia di Varese, ad Albizzate, per distribuire al nord ed anche in Francia, i vini di famiglia. Eravamo sul finire degli anni '30.

Il 1963 è l'anno dell'ingresso in azienda del figlio Mino che coincide anche con la produzione della prima bottiglia di Rosato, denominato Rosa del Golfo. Un nome così poetico si sposava perfettamente alla bontà del vino prodotto, e rappresentava al meglio le tonalità che sprigionava il Rosa del Golfo e le sfumature del Golfo di Gallipoli, presenza rassicurante sullo sfondo, che sembrava cullare i prodotti dell'azienda di famiglia, tracciandone il cammino.

Ed a testimoniare il legame indissolubile con il territorio, oltre alla produzione di un Rosato così tipico nel Salento e molto spesso sottovalutato nel resto d'Italia, l'azienda di Alezio utilizza per produrre i propri vini, i vitigni autoctoni della zona, come il Negroamaro e il Primitivo.

Il 1988 segna un passaggio fondamentale nel meraviglioso racconto scritto all'ombra del Golfo di Gallipoli: Mino decise di cambiare il nome all'azienda di famiglia, certo che l'impronta dei Calò sarebbe comunque e in ogni caso rimasta. Decise quindi di legare le proprie fortune al vino più conosciuto nel Salento e nel resto d'Italia, a quel prodotto che per colori e sapori era l'emblema e il manifesto perfetto della loro storia, nacque così la Rosa del Golfo, che non ha mai smesso di produrre vini di qualità, unendo perfettamente tradizione e innovazione.

 

     
     
     
     
     

 

 

 

 

Ulteriori informazioni

Annata S.A.
Formato 0,75 litri
Dosaggio Brut
Metodo Classico - Champenoise
Classificazione VSQ
Nazione Italia
Regione Puglia
Cantina Rosa del Golfo
Tipologia No
Vitigno Chardonnay, Negroamaro
Denominazione Spumante Metodo Classico VSQ
Abbinamenti Antipasti, Crostacei, Pesce
Riconoscimenti No
Due secoli di tradizione, passione, storia e amore per la propria terra, per il proprio lavoro, per i frutti nati da questo irresistibile intreccio di emozioni, questa è la storia della Rosa del Golfo. L'azienda di famiglia affonda le sue radici oltre due secoli fa, nelle magiche e incontaminate terre del Salento, quando il capostipite Leopoldo Calò prese a coltivare un piccolo appezzamento terriero con viti e ulivi, iniziando a produrre così del vino e dell'olio, dando il via alla tradizione di famiglia che sarebbe andata avanti fino ai nostri giorni. Sempre pronti a cogliere nuove opportunità commerciali e attenti all'apertura di nuovi mercati, i Calò iniziarono a pensare a come far giungere ad un numero sempre crescente di persone il proprio vino. Fu il nipote Giuseppe a pensare di aprire una filiale commerciale in provincia di Varese, ad Albizzate, per distribuire al nord ed anche in Francia, i vini di famiglia. Eravamo sul finire degli anni '30. Il 1963 è l'anno dell'ingresso in azienda del figlio Mino che coincide anche con la produzione della prima bottiglia di Rosato, denominato Rosa del Golfo. Un nome così poetico si sposava perfettamente alla bontà del vino prodotto, e rappresentava al meglio le tonalità che sprigionava il Rosa del Golfo e le sfumature del Golfo di Gallipoli, presenza rassicurante sullo sfondo, che sembrava cullare i prodotti dell'azienda di famiglia, tracciandone il cammino. Ed a testimoniare il legame indissolubile con il territorio, oltre alla produzione di un Rosato così tipico nel Salento e molto spesso sottovalutato nel resto d'Italia, l'azienda di Alezio utilizza per produrre i propri vini, i vitigni autoctoni della zona, come il Negroamaro e il Primitivo. Il 1988 segna un passaggio fondamentale nel meraviglioso racconto scritto all'ombra del Golfo di Gallipoli: Mino decise di cambiare il nome all'azienda di famiglia, certo che l'impronta dei Calò sarebbe comunque e in ogni caso rimasta. Decise quindi di legare le proprie fortune al vino più conosciuto nel Salento e nel resto d'Italia, a quel prodotto che per colori e sapori era l'emblema e il manifesto perfetto della loro storia, nacque così la Rosa del Golfo, che non ha mai smesso di produrre vini di qualità, unendo perfettamente tradizione e innovazione.

Recensioni utenti

Scrivi la tua recensione

La tua recensione: Rosa del Golfo Brut Rosé Metodo Classico




X